Heliossea

Sessanta

Le corps e(s)t l'histoire

Senza vincitori né vinti

The Solitary Reaper

L'Aura

DVD

Alessandro Grego - Heliossea - Heliossea
Heliossea

CD

Alessandro Grego - Senza vincitori né vinti
Anima
Alessandro Grego - Senza vincitori né vinti
Constraints
Alessandro Grego - Senza vincitori né vinti
Senza vincitori né vinti
Alessandro Grego - Heliossea - Heliossea
Heliossea
Martinu Quartet, Massimiliano Damerini & Roberto Fabbriciani - Alessandro Grego: Un Mar Deserto - Un mar deserto
Un mar deserto
Alessandro Grego - L'Aura - L'Aura
L'Aura

Roberto Fabbriciani & Alvise Vidolin - Flute XXth Century, Vol. 2 - Persistenza Della Memoria Ovvero, "Non Si Può Entrare Nel Delirio Con L'Orologio!", for Flute Iperbasso, Live Electronics & Magnetic Tape (Grego)
Flute XX vol. 2

The flute in the 21st century
Alessandro Grego started composing as a child, then self-taught asking composers like Fabio Nieder, Giorgio Gaslini, Nicola Sani, Curtis Roads and others, for some advice. He studied musicology at School of Paleography and Musical Philology of Cremona. Later he was distinguished for the composition of short movie's scores and radio drama produced by RAI; for improvised music performances as a pianist and the organization of courses of musical creativity for young students. His monographic CD "L'Aura" (Agorà 1999) has been selected from MISAME (Mnémothèque International des Sciences et Arts en Musique Electroacoustique), committee constituted by Christian Clozier, Gerald Bennett, Francisco Kröpfl, Max Mathews and Alain Savouret, among the works that will be included in the electroacoustic record library of the France National Library. A second monographic CD "Un mar deserto" (Urbania 2004), with the well-known Italian actor Arnoldo Foà, follows; it is produced by Commune of Trieste with scientific support of Centro Studi Biagio Marin. For this occasion Grego writes an essay about Biagio Marin's poetry, published in "Studi mariniani" series. The piece "Persistenza della memoria" (world premiere Salzburg Mozarteum Wiener Saal), based on sound research developed with Nicola Sani at WDR in Cologne, employs for the first time the iperbass flute, a new instrument conceived by Roberto Fabbriciani. In collaboration with National Institute of Astrophysics, he composes "Heliossea" for flutes and live electronics, happening synchronized and driven by the light of the rising sun which makes use of sound spatialization research carried out by Grego at ICST in Zurich. The project, dedicated to Fabbriciani, later involved other musicians (Markus Stockhausen, Tara Bouman, etc…) He obtains commissions from prestigious international organizations and institutions, among them IMEB (Institut International de Musique Electroacoustique in Bourges) which invites him to compose "Le corps e(s)t l'histoire" for clarinets and live electronics, piece in memory of Pasolini. His music is habitually performed in national and international theatres and festivals by prestigious musicians like Guido Arbonelli, Massimiliano Damerini, Roberto Fabbriciani, Filippo Faes, Giuseppe Fricelli, "Martinu" quartet, Serge Conte, Paolo Pollastri, Ciro Scarponi, Emanuele Segre, etc. He worked with players like Arnoldo Foà, Vittorio Caprioli, David Riondino, Manuela Kustermann, Antonio Pizzicato, directors like Giuseppe Patroni Griffi and the dramatist Francesco Niccolini. His works are published by Rai Trade and have been recorded by Phoenix, Agorà, ARTS and Urbania recording labels. He taught and had lectures at Florence University, Siena University and SAE School in Ljubljana. Currently he teaches algorhythmic composition at "Gioacchino Rossini" Conservatory in Pesaro.
Alessandro Grego inizia a comporre giovanissimo, da autodidatta, sotto la guida di compositori quali F. Nieder, G. Gaslini, N. Sani, C. Roads ed altri. Studia musicologia alla Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona. In seguito si distingue per la composizione di colonne sonore di filmati e sceneggiati radiofonici prodotti dalla RAI; per l'esecuzione di musiche improvvisate al pianoforte e l'organizzazione di corsi di creatività musicale per giovani allievi. Il suo CD monografico "L'Aura" (Agorà 1999) è stato selezionato dal MISAME, comitato composto da Christian Clozier, Gerald Bennett, Francisco Kröpfl, Max Mathews ed Alain Savouret, tra le opere che andranno a comporre la fonoteca di musica elettroacustica presso la Biblioteca Nazionale di Francia. Segue una seconda antologia monografica "Un mar deserto" (Urbania 2004), alla quale partecipa tra gli altri Arnoldo Foà, prodotta dal Comune di Trieste con il supporto scientifico del Centro Studi Biagio Marin. Per tale occasione è anche autore di un saggio critico sulla poesia di Marin pubblicato nella collana "Studi mariniani". Il brano "Persistenza della memoria" (prima esecuzione Wiener Saal Mozarteum di Salisburgo), nato da una ricerca sul suono svolta presso la WDR di Colonia assieme a Nicola Sani, vede per la prima volta in assoluto la presenza del flauto iperbasso, strumento progettato da Roberto Fabbriciani. In collaborazione con l'Istituto Nazionale di Astrofisica, compone "Heliossea" per flauti e live electronics, evento intermediale regolato dal sorgere del sole che si avvale anche della ricerca sulla spazializzazione del suono svolta da Grego presso l'ICST di Zurigo. Il progetto, dedicato a Fabbriciani, ha in seguito coinvolto altri musicisti (Markus Stockhausen, Tara Bouman, etc.). Riceve commissioni da prestigiosi enti ed istituzioni internazionali tra cui l'IMEB di Bourges, su invito del quale realizza il brano "Le corps e(s)t l'histoire" per clarinetti e live electronics, brano dedicato alla memoria di Pasolini. La sua musica viene regolarmente eseguita nei teatri e festival nazionali ed internazionali da prestigiosi interpreti tra i quali spiccano Guido Arbonelli, Massimiliano Damerini, Roberto Fabbriciani, Filippo Faes, Giuseppe Fricelli, il quartetto "Martinu", Serge Conte, Paolo Pollastri, Ciro Scarponi, Emanuele Segre, etc. Ha lavorato accanto ad attori quali Arnoldo Foà, Vittorio Caprioli, David Riondino, Manuela Kustermann, Antonio Pizzicato, a registi quali Giuseppe Patroni Griffi e con il drammaturgo Francesco Niccolini. Le sue composizioni sono edite da Rai Trade e sono state incise per le case discografiche Phoenix, Agorà, ARTS ed Urbania. Ha insegnato e tenuto seminari presso L'Università di Firenze, l'Università di Siena e la SAE School di Lubiana. Al momento è docente di composizione algoritmica presso il Conservatorio "Gioacchino Rossini" di Pesaro.