Heliossea

Press Videonews Notes

Sessanta

Le corps e(s)t l'histoire

Senza vincitori né vinti

The Solitary Reaper

L'Aura

DVD

Alessandro Grego - Heliossea - Heliossea
Heliossea

CD

Alessandro Grego - Senza vincitori né vinti
Anima
Alessandro Grego - Senza vincitori né vinti
Constraints
Alessandro Grego - Senza vincitori né vinti
Senza vincitori né vinti
Alessandro Grego - Heliossea - Heliossea
Heliossea
Martinu Quartet, Massimiliano Damerini & Roberto Fabbriciani - Alessandro Grego: Un Mar Deserto - Un mar deserto
Un mar deserto
Alessandro Grego - L'Aura - L'Aura
L'Aura

Roberto Fabbriciani & Alvise Vidolin - Flute XXth Century, Vol. 2 - Persistenza Della Memoria Ovvero, "Non Si Può Entrare Nel Delirio Con L'Orologio!", for Flute Iperbasso, Live Electronics & Magnetic Tape (Grego)
Flute XX vol. 2

The flute in the 21st century

Heliossea

HELIOSSEA, AN INTERMEDIA WORK
Multimedia is a mode of expression mainly used in education, advertising, and artistic sectors, aimed at prompting the widest range of human emotions by using many media contemporarily, each one of them emitting information of a different nature (sound, light, etc.) aimed at the various sensory organs. Intermedia is an evolution of the multimedia practice with real time aesthetic enjoyment of the multimedia object, including both the reciprocal influence of the single multimedia parameters (for example, the frame's colour can modify the sound timber) and their susceptibility toward information coming from the external environment (a random cough among the audience can turn a light on in the scene).
Heliossea is intermedia thanks to IT development by Alessandro Grego. This means that the infinite shades of light at dawn in its gradual passage from dark to light, from blue to red, influence the sound issued by the musician according to different modes.

SURROUND SOUND
Certainly the most visible of such modes concerns the perception of the sound source as motion in space. The viewer does not enjoy a static, frontal sound, as usually occurs during traditional concerts, whether rock or classical, but it is embraced literally and caressed by an acoustic wave that fully exploits the surround technology using multichannel transmission, here made possible thanks to development at ICST in Zurich.

ARTS AND SCIENCE
If the intervention of natural factors such as light condition the sound emission so that it could develop excessively unpredictable aspects, it is necessary to guarantee sufficient coherence between the astral phenomenon at dawn and its sound translation. Alessandro Grego resorted to the help of the NationalAstro-Physics Institute (Istituto Nazionale di Astrofisica - INAF) which, thanks to the research performed by Dr. Massimo Ramella, provided him with a mathematical model describing the motion of the sun when rising from the horizon. This model was used as the main algorithm in the software design managing the filtering and motion of the sound in the listening space.

A LIVE WORK, NEVER THE SAME ITSELF
Heliossea's intermedia, the sound flow changing with light variation – change only partially dependent on the composer's will – makes each playing of the score a unique and unrepeatable moment. Heliossea is a work in progress, not a work of art definitively fixed on paper. It is an open project that, like a living organism, develops and adapts to each circumstance.

THE RITUAL OF THE RISING SUN
Heliossea's force and aesthetic originality gives this experience a symbolic force that transcends a mere show.Heliossea is not only music but a ritual event: it is the place and moment when the public is not a mass but recognizes its community, a community waiting for the light, gathered to celebrate the birth of the sun.


HELIOSSEA, OPERA INTERMEDIALE
La multimedialità è una modalità espressiva, finalizzata a suscitare la più ampia gamma dell’emotività umana utilizzando contemporaneamente più media, ognuno dei quali emette informazioni di diversa natura (suono, luce, etc.) indirizzate ai diversi organi sensoriali. L’intermedialità è un’evoluzione della pratica multimediale - qui resa possibile grazie alla tecnologia informatica sviluppata da Alessandro Grego che permette in tempo reale, cioè durante la fruizione estetica dell’oggetto multimediale, sia la reciproca influenza dei singoli parametri multimediali (il colore di un fotogramma può ad esempio modificare il timbro di un suono) che la loro suscettibilità nei riguardi di informazioni che giungono dall’ambiente esterno (un casuale colpo di tosse proveniente dal pubblico può accendere un faro sulla scena).
Heliossea è un’opera intermediale nel senso che le infinite sfumature della luce all’aurora, nel suo graduale passaggio dallo scuro al chiaro, dal blu al rosso, influenzano il suono emesso dall’interprete musicale secondo diverse modalità.

SUONO SURROUND
La più evidente di tali modalità è sicuramente quella relativa alla percezione del movimento nello spazio della sorgente sonora. Lo spettatore non fruisce un suono statico, frontale, come avviene nei tradizionali concerti, sia rock che classici, ma viene letteralmente avvolto ed accarezzato da un’onda acustica che sfrutta appieno la tecnologia surround a diffusione multicanale, sviluppata presso l’Institute of Computer music and Sound Technology di Zurigo.

ARTE E SCIENZA
Se l’intervento dei fattori naturali, quali la luce appunto, condizionano l’emissione del suono in un modo che potrebbe avere degli aspetti eccessivamente imprevedibili, per garantire la sufficiente coerenza tra il fenomeno astrale dell’alba e la sua trasposizione sonora, Alessandro Grego è ricorso all’aiuto dell’Istituto Nazionale di Astrofisica – INAF il quale, grazie alla ricerca svolta per l’occasione dal Dott. Massimo Ramella, gli ha fornito un modello matematico descrittivo del movimento del sole al suo sorgere all’orizzonte. Tale modello è servito quale algoritmo principale nella progettazione del software che gestisce il filtraggio ed movimento del suono nello spazio di ascolto.

OPERA VIVA, MAI UGUALE A SE STESSA
L’intermedialità di Heliossea, il mutare del flusso sonoro con il variare della luce - mutamento dipendente solo in parte dalla volontà del compositore -, rende ogni esecuzione dell’opera un evento unico ed irripetibile. Heliossea è un work in progress, non un’opera d’arte fissata in maniera definitiva sulla carta. È un progetto aperto che, come un organismo vivente, si sviluppa e si adatta ad ogni diversa circostanza.

IL RITO DEL SOLE NASCENTE
La forza e l’originalità estetica di Heliossea fornisce a questa esperienza una forza simbolica tale da trascendere il mero spettacolo. Heliossea non è solo musica ma è anche un evento rituale: è il luogo ed il momento in cui il pubblico non è massa ma si riconosce nella propria collettività, una collettività riunita in attesa della luce.