Heliossea

Press Videonews Notes

Sessanta

Le corps e(s)t l'histoire

Senza vincitori né vinti

The Solitary Reaper

L'Aura

DVD

Alessandro Grego - Heliossea - Heliossea
Heliossea

CD

Alessandro Grego - Senza vincitori né vinti
Anima
Alessandro Grego - Senza vincitori né vinti
Constraints
Alessandro Grego - Senza vincitori né vinti
Senza vincitori né vinti
Alessandro Grego - Heliossea - Heliossea
Heliossea
Martinu Quartet, Massimiliano Damerini & Roberto Fabbriciani - Alessandro Grego: Un Mar Deserto - Un mar deserto
Un mar deserto
Alessandro Grego - L'Aura - L'Aura
L'Aura

Roberto Fabbriciani & Alvise Vidolin - Flute XXth Century, Vol. 2 - Persistenza Della Memoria Ovvero, "Non Si Può Entrare Nel Delirio Con L'Orologio!", for Flute Iperbasso, Live Electronics & Magnetic Tape (Grego)
Flute XX vol. 2

The flute in the 21st century

Heliossea

The rite of rising sun

The origin of image – that is the conscious organization of sign and color into a mimetic representation – can be explained as the psychological need to artificially extend life on this earth. On the other hand, the social function of the first examples of organization of sounds, considering the different physical nature of these two phenomena, was probably to enhance the semantics of rites. Sound helped to put people into trance because of its power to elevate a verbal message towards transcendence and to establish a relation with the afterworld or, according to the philosophers, with the ideal world. The evolution of the language of music and its implementation have never really changed the cultural connotation of sound. From the Jewish psaltery’s chant to the Gregorian monody, from Notre Dame’s polyphony to the impressive sacred compositions of the seventeenth and eighteenth century classic music tradition, from the Afro-American gospel to the beat Masses post Vatican Council II, and then on the secular side, more subtle but still significant, from Aeschylus’ theatre to the Opera of the late eighteenth century – which reinvents Aristotle’s classic tragedy with the pilgrimage to Bayreuth, first known example of Gesamtkunstwerke – and also in those bourgeois settings where the catharsis is reached in the theatre’s foyer more than during the performance, sound is always present. The reason for this constant presence, or maybe the reason why sound is always tolerated, is that sound is necessary in order to have an aesthetically complete ritual. The metaphysical power of sound not only made it into something so important for worship, but also contributed to the invention of a large number of fables as a reaction of the human mind to such a mystery. These fables came before or were propaedeutic to philosophic explanations. The most famous of them is certainly the one about the harmony of spheres. From Plato’s myth of Er in the Repubblica to the scholium of the 7th proposition of Newton’s Principia (1687), the rumor that cosmos rang in harmony with humans and that music was the most sublime expression of such a harmony, never stopped to exist. The Enlightenment tried to hush the Universe, but during the twentieth century we became interested in the humans-sound-cosmos relation again. Hindemith, Orff, Stockhausen, Xenakis, Maderna, just to mention a few, are among the artists whose compositions have been inspired by a presence or a vision geometrically shaped by the vault of heaven. With this in mind and considering that space and time, besides being interdependent and relative to the system that contain them, have a physical influence on sound and light diffusion and that at the same time sound and light effect our perception of time and space, I thought of creating an aesthetic experience that combines different media. An experience, open to everyone, in which all the elements I mentioned before are correlated according to different and multidimensional hierarchies. A kind of live soundtrack that accompanies one of the most amazing events of nature: the dawn on the sea. A hymn to the sun in which the visual part is not an unreal one like in movies and theatres’ sets, but reality and the beauty of nature themselves. An event that is extremely simple and sublime at once. Like a demiurge who is a skilled workman, more than a romantic artist-creator, I tried to concentrate and limit my work – and this is not an easy thing to do considering the usual narcissism of an artist – to the effort of showing the peculiar coincidence of sound, color, space and time at sunrise. My goal is to involve the community in the aesthetic contemplation of nature and the appreciation of the harmonic mysticism of this moment, so that people will be able to reach a sort of Apollonian catharsis. Nature will offer the color, actually the light in a space-time continuum that we can explain with either a holistic or a mathematical model – the arch that the sun apparently makes at the horizon. My task, not an easy one, is to tune the cither with the cosmos, that is to organize the sound material following the same mathematical model made sublime by each person’s sensibility. All this can only happen in the hic et nunc of Trieste during the solstice of June 21st 2003. A slight change of space and time, that is the time and space of the experience, would mean the designing of a brand new work. Heliossea will only happen in Trieste between 4.21 am and 5.14 am on June 21st 2003. It is impossible to repeat this event without bringing changes to the very structure, the same way you never have a day identical to another one. From the beginning I took into consideration, the idea of mathematically analyzing the physical reality of the sun, the mechanism of its apparent motion and the modality of solar radiation in order to have a descriptive model of a paradigmatic structure. It is impossible indeed to ignore science, not only out of respect for knowledge, but also to reassert that music is a combination of poetry and mathematics. Dr. Massimo Ramella contribution together with the entire team’s of Trieste Astronomical Observatory, has been essential. I wouldn’t have been able to carry out this project without their help, considering my lack of knowledge of the basic technical procedures of mathematical speculation and astrophysical research. On the other hand, the coveted definition of Dr. Ramella h/t polynomial, could have been a dangerous aesthetic trick if not conveniently made into something beautiful. In order to sublime from the inside the deterministic limit of the structural rigidity, I thought of hybridizing the mathematical model information with empirical information. The last ones are not predetermined, they will come in real time from light itself and they will be elaborated extemporarily by a multimedia information system together with rhythmic/melodic elements from Hymn to the Sun by Mesomede of Crete and also with the subjective irrationality of my taste. When I imagined Heliossea, I dreamed of an ideal place to perform it, a place that had the symbolic ambivalence of an urban agora and an aesthetic worship site. One day I happened to be in Piazza Unità and it was like waking up from that dream. Piazza Unità is certainly the most suitable place; its location in front of the sea is very evocative and its geometry and acoustic qualities are perfect for a sound emission that collocates sounds in space. This piazza also has a wide appeal and people have easy access to it. I thought of projecting the values of the sun’s ordinate on the abscissa axis, so the square will become the ideal Cartesian plane. The sound moves in the orchestra following the motion of the sun and it defines the concrete space of the experience. The intention here is to overcome the narrowness of the frontal view of an artistic event – something that already happens in theatres and also in films, thanks to the surround technology ( although the aesthetic solutions for films are still limited and predictable). In this way the event will be three-dimensional, quality that usually belongs only to sculpture and architecture. This conception reflects my interest in acoustic ecology and styling of our environment. I want to show what I said before, that sound effects not only our perception of time, but also our perception of space. To accomplish this, I will use an euphonic emission that will brush smoothly against the beautiful surrounding architectures and will wake up the city in a sweet, unique way. With Heliossea our city will be once again the center of the community’s and the institutions, not just for its beauty and its historical and cultural past, but also for the artistic potential of the precious and at the same time neglected art of sounds in Italy.

Alessandro Grego


Heliossea

Rito del sole nascente

Se la nascita dell’immagine, quale organizzazione cosciente del tratto e del colore a fini mimetici, può essere spiegata con la necessità psicologica di prolungare artificialmente la vita terrena, la funzione sociale delle prime forme di organizzazione della materia sonora, vista la differente natura fisica dei due fenomeni, ebbe probabilmente lo scopo di amplificare la semanticità del rito, conducendo la collettività riunita verso lo stato di trance grazie alla capacità del suono di elevare il messaggio verbale verso la trascendenza e stabilire una relazione con il mondo ultraterreno o, per i filosofi, ideale. L’evoluzione del linguaggio musicale e della relativa fruizione sociale non hanno certo mai liberato del tutto il suono della sua connotazione cultuale. Dalla cantillazione del salterio ebraico alla monodia gregoriana, dalla polifonia di Notre Dame alle imponenti composizioni sacre della tradizione musicale classica sette-ottocentesca, dal gospel afro-americano fino alle messe beat post Concilio Vaticano II, e poi, sul versante laico in modo più sottile ma non meno importante, dal teatro di Eschilo all’opera lirica tardo ottocentesca – che nel pellegrinaggio a Bayreuth rinnova il modello aristotelico della tragedia classica, prima forma conosciuta di Gesamtkunstwerke – ed anche in quei contesti borghesi nei quali la vera catarsi viene raggiunta più nel foyer del teatro che non durante la rappresentazione, il suono è sempre presente e tale presenza è motivata, per non dire tollerata, dalla necessaria costituzione di una formula rituale esteticamente completa e totale. Se la potenza metafisica del fenomeno sonoro lo ha portato ad avere tale importanza per il culto, essa ha anche generato, quali reazioni dell’intelletto umano a tale mistero e precedenti o propedeutiche a quelle filosofiche, tutta una serie di invenzioni favolistiche, la più famosa delle quali è sicuramente quella dell’armonia delle sfere. Dal mito platonico di Er della Repubblica, fino allo scolio della proposizione VII dei Principia (1687) di Newton, la diceria che il cosmo risuonasse in armonia con l’uomo e che la musica fosse l’espressione più sublime di tale armonia non ha mai cessato di esistere. Se l’Illuminismo ha tentato di zittire l’universo, nel Novecento abbiamo invece ritrovato un rinnovato interesse verso la relazione uomo-suono-cosmo; basti pensare alle opere di Hindemith, Orff, Stockhausen, Xenakis, Maderna ed altri, tutte ispirate da una presenza o visione più o meno geometricamente determinata della volta celeste. Partendo da tali premesse e considerando inoltre che spazio e tempo, oltre ad essere imprescindibili l’un l’altro e relativi al sistema che li contiene, condizionano fisicamente la diffusione di suono e luce e contemporaneamente suono e luce condizionano la percezione psichica di spazio e tempo, ho voluto pensare di realizzare un’esperienza estetica intermediale, da far liberamente fruire alla collettività, in cui tutti questi elementi fossero correlati tra loro secondo diverse e pluridimensionali gerarchie. Una sorta di colonna sonora eseguita dal vivo che accompagni in tempo reale la visione di uno degli eventi più suggestivi ed unici della natura: l’aurora sul mare. Un inno al sole dove la parte visiva non è irreale, quale quella realizzata solitamente dal cinema o dalle scenografie teatrali, ma è la realtà e la bellezza della natura stessa. Niente di più semplice e sublime quindi. Prendendo quale modello poietico quello del demiurgo che organizza piuttosto che quello romantico dell’artista-creatore, ho voluto concentrare il mio lavoro, cosa non facile visto il narcisismo degli artisti, nello sforzo di limitarlo a sottolineare la particolare coincidenza di suono, colore, spazio e tempo nell’atto del sorgere del sole, al fine di coinvolgere la comunità nella contemplazione estetica della natura e di rendere con questo soffermarsi un sapore di armonioso misticismo tale da portare i coraggiosi presenti ad una sorta di catarsi apollinea dello spirito. E se il colore, ovvero la luce, mi viene offerto dalla natura nelle dimensioni spazio-temporali interpretabili sia olisticamente che attraverso il modello matematico dell’arco apparente che il sole compie sull’orizzonte, il compito di accordare la cetra in sintonia con il cosmo, ovvero di organizzare la materia sonica secondo il medesimo modello matematico sublimato in bellezza dalla sensibilità soggettiva, è il lavoro non certo facile che mi spetta e che può unicamente realizzarsi nell’hic et nunc di Trieste nel solstizio del 21 giugno 2003. Variare di poco spazio e tempo, ovvero luogo e momento dell’esperienza, significherebbe per me dover progettare un’altra opera. Quindi Heliossea esiste/rà unicamente a Trieste ed ha/avrà vita dalle 04.21 alle 05.14 ora locale del 21 giugno 2003. Non sono possibili repliche dell’evento senza modifiche all’impalcatura strutturale, come non è possibile un giorno identico ad un altro. Nell’impossibilità di ignorare la scienza, non solo per rispetto della conoscenza ma anche per ribadire che la musica è unione di poesia e matematica, ho fin dall’inizio preso in considerazione l’idea di analizzare matematicamente la realtà fisica del sole, la meccanica del movimento apparente e la modalità della radiazione luminosa, per giungere al modello descrittivo di una struttura paradigmatica. E devo dire che in tale compito è stato assolutamente indispensabile e prezioso il lavoro svolto dal Dott. Massimo Ramella e di tutta l’equipe dell’Osservatorio Astronomico di Trieste, lavoro che sicuramente non sarei stato in grado di portare a termine senza questo aiuto, vista la mia ignoranza dei basilari procedimenti tecnici della speculazione matematica e della ricerca astrofisica. Ma l’agognata definizione del polinomio h/t del Dott. Ramella poteva essere un pericoloso tranello estetico se non opportunamente sublimato. E per sublimare dall’interno il limite deterministico della rigidità strutturale ho pensato di ibridare le informazioni derivatemi dal modello matematico con informazioni empiriche non predeterminate giungenti in tempo reale dalla luce stessa e rielaborate estemporaneamente da un sistema informatico intermediale, con elementi ritmico-melodici desunti dall’Inno al sole di Mesomede di Creta ed infine con l’irrazionalità soggettiva del mio gusto. Immaginando Heliossea ho sognato un luogo ideale per la sua realizzazione concreta, luogo che potesse avere l’ambivalenza simbolica di agorà cittadina e sito preposto al culto estetico. Ritrovarmi per caso in piazza Unità è stato come risvegliarmi da questo sogno. Sia per la suggestiva collocazione di fronte al mare, sia per la geometria e le qualità acustiche particolarmente adatte al tipo di emissione fonica che spazializza il suono, sia per le potenzialità di richiamo del pubblico e la relativa facilità di accesso, essa è sicuramente il posto più adatto. Pensando poi di proiettare sull’asse delle ascisse i valori dell’ordinata del sole all’orizzonte ecco che scaturisce l’idea di trasformare la piazza nel piano cartesiano ideale. Il suono si muove nell’orchestra seguendo il movimento del sole e definendo quindi lo spazio concreto dell’esperienza. Ciò proprio per superare definitivamente l’ambito angusto della fruizione frontale dell’evento artistico – modalità ormai da tempo desueta anche nel teatro e che recentemente, grazie alla tecnologia surround, è stata abbandonata anche nel cinema in favore di una spazializzazione multicanale del suono (anche se le soluzioni estetiche di tale possibilità sono nel cinema attuale ancora banali e prevedibili) – e per dare ad esso una tridimensionalità che tradizionalmente si attribuisce unicamente alle arti dello spazio quali scultura ed architettura. Questa concezione inoltre rispecchia anche una mia sensibilità di ecologia acustica, di progettazione e ripensamento acustico dell'ambiente in cui viviamo. Voglio proprio dimostrare ciò che ho prima sostenuto, cioè che il suono determina non solo la percezione del tempo ma anche quella dello spazio unite nel piacere della fruizione. E lo voglio realizzare grazie ad una emissione eufonica che dolcemente accarezzi le bellezze architettoniche della città e che porti Trieste ad un piacevole ed unico risveglio. Sono sicuro che con Heliossea la nostra città sarà ancora una volta al centro dell'attenzione del pubblico e delle istituzioni, non solo per la sua bellezza o per il suo passato storico e letterario, ma soprattutto per le potenzialità artistiche e culturali ricche di futuri sviluppi in una attività dell'intelletto così preziosa ed al tempo stesso negletta qual è l'arte del suono in Italia.

Alessandro Grego